inizio.

come passare dieci giorni

a preparare un inizio
e poi bruciarselo in vino e stupidaggine
come avere addosso
stanchezza e gioia
come un lamento
che è anche
ringraziamento
come l'assurdità di eventi
accartocciati e arrabbiati
e poi un'occasione che fiorisce
spontanea
lieta
come la speranza
che non è fatto compiuto
e per questo
dolce e golosa
come un dono che si fa
occasione e compimento.

come ricominciare,
finalmente.

1 commento:

Giulio Petrucci aka "il Petrux" ha detto...

Un giorno forse capirò certe "esternazioni". Per ora mi accontento del fatto che queste poche righe mi siano servite per stemperare la prima inc@**@tura mattutina. Grazie e buona giornata! :-)

p.s. comprato l'amplificatorino Roland? Anche io mi sono fatto un regalo chitarristico a Natale... :-)